X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
 

  • insegnamento Insegnamento: ARCHEOZOOLOGIA
  • Crediti: 8
  • Codice: 15580
  • Anno off. Formativa: 2013/2014
  • Corso di laurea: conservazione dei beni culturali (l-43) (disbec)
  • Sett.Scient.: BIO/08
Questo insegnamento è mutuato da:
ARCHEOZOOLOGIA - 15493
A.A Off. Form: 2013/2014
Corso di laurea: conservazione dei beni culturali (l-1) (disbec)
  • Docente: Eugenio  CERILLI
Programma
L’archeozoologia è la scienza che si occupa del riconoscimento e dell’interpretazione dei resti animali rinvenuti nei siti archeologici. Oltre ad informazioni riguardanti il clima e l’ambiente del passato, lo studio dei reperti faunistici, fornisce infatti indicazioni fondamentali sulle variazioni del comportamento umano per ciò che riguarda l’utilizzazione delle risorse animali dalla Preistoria sino all’età moderna. Tramite il riconoscimento delle parti scheletriche presenti, delle specie rappresentate, dell’età alla morte e del sesso degli animali abbattuti, nonché sulla base dell’analisi tafonomica, ovvero della disposizione spaziale dei resti scheletrici e delle modificazioni naturali ed antropiche da loro subite prima e dopo il seppellimento, è possibile ricostruire la dieta, l’economia e le strategie di sussistenza, riguardo sia la caccia sia l’allevamento, e di conseguenza contribuire alla ricostruzione dei modelli di organizzazione sociale delle comunità del passato. Infine, ma non ultimo, mediante l’analisi archeozoologica dei resti faunistici rinvenuti in contesti cultuali è possibile indagare sui complessi rapporti tra gli esseri umani e gli animali relativamente alla sfera del sacro.
Scopo del corso è introdurre gli studenti alle tecniche di analisi dei reperti osteologici faunistici provenienti dai siti archeologici permettendo loro di acquisire informazioni teoriche e pratiche sulle principali metodologie di studio e sulle potenzialità di questo tipo di indagine.

I principali argomenti trattati durante il corso saranno:

A) Introduzione all’archeozoologia, alla tafonomia e alle loro applicazioni in campo archeologico.
B) Cenni di paleontologia, di paleoecologia, di paleoclimatologia.
C) Sintesi sulle variazioni geologia e paleontologia del Quaternario.
D) Struttura di ossa, denti, avorio, corno, ecc. Elementi di anatomia dei vertebrati.
E) Metodologie di analisi dei resti osteologici: determinazione di elemento scheletrico e specie; misurazione delle ossa; quantificazione dei campioni; determinazione dell’età di morte; indagini tafonomiche.
F) Metodologie di recupero, conservazione e restauro di reperti osteologici provenienti da scavi archeologici.
G) Interpretazione dei dati faunistici: ricostruzione dell’ambiente del passato; modalità di accumulo del deposito archeologico; strategie di caccia e di allevamento, impiego dei prodotti secondari, sfruttamento stagionale delle risorse; tecniche di macellazione e di preparazione del cibo; lavorazione dell’osso per la produzione strumenti e oggetti artistici; aspetti cultuali e culturali dell’utilizzazione degli animali.
H) Utilizzazione di indagini attualistiche nell’interpretazione dei dati faunistici: i confronti etnografici, le informazioni sul comportamento e sulla fisiologia degli animali, l’approccio sperimentale.
I) Esempi di evidenze archeozoologiche e modelli interpretativi di siti archeologici dalla Preistoria all’età moderna.
J) Analisi ed interpretazione di campioni archeozoologici (attività pratica).

Durante il corso saranno svolte attività pratiche su materiali archeologici.
Si consiglia pertanto la frequenza alle attività di laboratorio.

Per contatti e informazioni:
eucerilli@unitus.it
eugenio.cerilli@coop-arx.it
Testi consigliati
(frequentanti)
APPUNTI DEL CORSO

MANUALI (uno a scelta):
DAVIS S.1987 The Archaeology of Animals. New Haven, Yale University Press. (consigliato per gli studenti di archeologia preistorica e orientale)
O’Connor T. 2000 The Archaeology of animal bones, Sutton Publishing, Stroud. (consigliato per gli studenti di archeologia classica e medievale).
DE GROSSI MAZZORIN J. 2008 Archeozoologia. Lo studio dei resti animali in archeologia. Editori Laterza, Roma-Bari. (consigliato per tutti i curricula, ad integrazione dei manuali su indicati)

Ulteriore bibliografia e supporti didattici saranno forniti nel corso delle lezioni.


(non frequentanti)
Stesso dei frequentanti, ma contattare il docente per accordi sul lavoro da fare in alternativa alle attività di laboratorio svolte dai frequentanti.
Propedeuticità
Frequenza
facoltativa
Metodologia didattica
Ore Lezioni: 60
Valutazione del profitto
Prova orale
prova pratica
esercitazioni
Descrizione dei metodi di accertamento
L'esame verterà su argomenti trattati nel corso delle lezioni e sulla discussione delle metodologie di analisi impiegate e sull'interpretazione dei dati ottenuti nel corso delle attività pratiche di laboratorio (analisi di un campione archeozoologico).
Luogo lezioni
DISBEC
Orari delle lezioni
martedì 11-13 stanza 7 martedì 13-15 aula 7 giovedì 11-15 aula 5 inizio lezione 3 marzo 2015
Orari di ricevimento
Eugenio CERILLI:
Prima o dopo gli orari di lezione, possibilmente su appuntamento.

Per contatti e informazioni:
eucerilli@unitus.it
eugenio.cerilli@coop-arx.it
Prossime date di Esame
    Copyright Università degli studi della Tuscia - Viterbo