X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
 

  • insegnamento Insegnamento: Archeologia e storia dell'arte greca
  • Crediti: 8
  • Codice: 15523
  • Anno off. Formativa: 2014/2015
  • Corso di laurea: archeologia e storia dell'arte. tutela e valorizzazione (lm-2) (disbec)
  • Sett.Scient.: L-ANT/07
  • Docente: Stefano  DE ANGELI
Programma
Luoghi e immagini della musica greca tra spazio pubblico e privato.

Il corso si propone di indagare attraverso, la documentazione archeologica, i luoghi e i contesti pubblici e privati nei quali si faceva impiego della musica all’interno del mondo greco, dallo spazio sacro del santuario a quello privato del simposio. Attraverso le immagini figurate della produzione vascolare greca si analizzeranno le pratiche sociali connesse all’uso della musica e di strumenti musicali e si definiranno di volta in volta gli strumenti musicali pi strettamenti connessi a queste pratiche, per il tramite anche della documentazione archeologica superstite di questi ultimi.































































































































Il corso si propone di offrire un completo inquadramento della cultura architettonica e artistica alessandrina di et ellenistica. Si partir da una preliminare analisi di carattere topografico della citt e dei suoi principali monumenti, caratterizzati da una particolare funzione rappresentativa: la grande via canopica, l’agora, il ginnasio, lo stadio, il Serapeum i quartieri reali, etc, non senza riservare una specifica attenzione all’architettura effimera (il padiglione di festa di Tolomeo II, etc.). Si prenderanno quindi in esame i caratteri peculiari della cultura artistica alessandrina attraverso le classi di manufatti pi importanti e significative: la scultura, la pittura, la bronzistica, la coroplastica, la ceramica, il vetro e le pietre dure, non senza tralasciare le problematiche connesse ai contesti di impiego e alla committenza pubblica e privata di tali manufatti. Infine sar preso in esame il fenomeno dellegittomania che si sviluppa a Roma tra la tarda et repubblicana e la prima et imperiale, quando artisti e artigiana alessandrini si trasferiscono a Roma per rispondere alle crescenti richieste della committenza urbana.































































































































































































































































Sono previste anche specifiche attivit seminariali su specifiche classi di materiali, che saranno definite all’avvio delle lezioni.































































































































Testi consigliati
Nel corso delle lezioni saranno indicati specifici riferimenti bibliografici.
Propedeuticità
Nessuna.
Frequenza
facoltativa
Metodologia didattica
Ore Lezioni: 60
Valutazione del profitto
Prova orale
Descrizione dei metodi di accertamento
Discussione orale sui temi del corso.
Luogo lezioni
Largo dell'Universit, s.n.c. Dipartimento di Scienze dei Beni Culturali aule 7 5 e 9
Orari delle lezioni
luned 15-17 aula 7 gioved 15-17 aula 5 venerd 15-17 aula 9
Orari di ricevimento
Stefano DE ANGELI:
Il prof De Angeli riceve il lunedi mattina dalle ore 11,00 alle ore 13.00 presso il proprio studio ubicato al II piano dell'edificio del ex-Dipartimento di Scienze dei Beni Culturali. Si prega comunque di concordare anticipatamente (via e-mail) l'incontro.
Prossime date di Esame
    Copyright Università degli studi della Tuscia - Viterbo