X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
 

  • insegnamento Insegnamento: STORIA D'ITALIA E DEL PROCESSO DI INTEGRAZIONE EUROPEA
  • Crediti: 8
  • Codice: 16274
  • Anno off. Formativa: 2014/2015
  • Corso di laurea: scienze politiche e delle relazioni internazionali (l-36) (deim)
  • Sett.Scient.: M-STO/04
  • Docente: Maurizio  RIDOLFI
Programma
Il corso ha ottenuto il riconoscimento della Unione Europea come Cattedra Jean Monnet per il triennio 2014-2017, nello sviluppo del progetto su "The Mediterranean Europe in the European integration process: spaces and policies, cultures and societies".

Ad uno studente in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali, il corso si propone di fornire un quadro approfondito sulle trasformazioni politico-istituzionali, socio-economiche e simbolico-comunicativo nell’Italia del secondo dopoguerra, in relazione al processo di costruzione dell’Unità Europea e dello specifico contesto mediterraneo.

Il corso affronta la vicenda dell’Italia del secondo dopoguerra attraverso una innovativa indagine politica e culturale, che ne evidenzia alcuni caratteri salienti: la cultura civica repubblicana, nell’intreccio fra ideologie politiche ed apprendistato alla cittadinanza (la storia nazionale e locale attraverso la toponomastica, l’educazione alla partecipazione elettorale); la storia delle istituzioni e l’equilibrio dei poteri (il ruolo dei Presidenti), la classe politica (i sindaci), le passioni collettive (i simboli e i colori della politica).

Si mette a fuoco lo snodo cruciale degli anni del decennio di fine Novecento, quando alla crisi della Repubblica e alla ridefinizione delle culture politiche corrisposero la nascita dell’Europa di Maastricht e l’introduzione anche in Italia dell’euro come moneta unica.
Le trasformazioni della retorica europeista e la sfida di un effettivo processo di europeizzazione sono letti attraverso la coniugazione della storia nazionale con la storia internazionale nella correlazione tra le memorie pubbliche della II guerra mondiale e quindi della caduta del Muro Berlino. Sono gli snodi di politiche della memoria che intersecano la costruzione dell’identità europea nell’ultimo ventennio.

Nel quadro della Cattedra Jean Monnet, il corso inoltre è accompagnato da un Laboratorio di attività seminariali ed esercitazioni, sul tema "L’Europa mediterranea nell’integrazione europea".
Testi consigliati
Lo studente deve in primo luogo scegliere uno tra i seguenti volumi, utilizzati nel corso dellelezioni:

M. Ridolfi, Storia politica dell’Italia repubblicana, Milano, Bruno Mondadori 2010, pp. 223 [ISBN, 9-7888861-594524].
M. Ridolfi, Presidenti. Storia e costumi della Repubblica nell'Italia demcoratica, Roma, Viella, 2014, pp. 283 [ISBN: 978-88-6728-279-1]
M. Ridolfi, Italia a colori. Storia delle passioni politiche dalla caduta del fascismo ad oggi, Firenze, Le Monnier, 2015, pp. 236 [ISBN: 978-88-00-74553-1].T

Sono inoltre obbligatori entrambi i volumi che seguono:
L’Europa e le sue memorie. Politiche e culture del ricordo dopo il 1989, a cura di F. Focardi e B. Groppo, Viella, Roma 2013,

Massimo Pier Mattei, Crisi della Repubblica e sfida europea. I partiti italiani e la moneta unica, Bologna, Clueb, 2012, pp. 193 [ISBN, 978-88-491-3620-3].
Questo secondo volume, se non rinvenibile in commercio, può essere sostituito con il seguente:
Antonio Varsori, L'Italia e la fine della guerra fredda (1989-1992), Bologna, Il Mulino, 2013, pp. 247 [ISBN: 978-88-15-24425-3].
Propedeuticità
Aver seguito i corsi di Storia Contemporanea e Scienza Politica
Frequenza
facoltativa
Metodologia didattica
Ore Lezioni: 60
Valutazione del profitto
Prova orale
esercitazioni
Descrizione dei metodi di accertamento
L'accertamento di quanto acquisito dagli studenti, sia nella teoria che nella pratica, avviene attraverso numerosi incontri seminariali, anche con docenti esterni, intesi a coinvolgere gli studenti in momenti di dialogo, di confronto e di approfondimento - anche tramite fonti multimediali - dei percorsi tematici trattati a lezione. Si offre inoltre l'opportunità di esercitazioni scritte svolte alla fine del corso. L'esame si svolge sotto forma di una discussione orale sui volumi in programma.
Luogo lezioni
S. Maria in Gradi 4 Le aule sotto l'audiorium 40032
Orari delle lezioni
Il corso si terrà nei mesi tra marzo e maggio 2014
Orari di ricevimento
Maurizio RIDOLFI:
In merito al corso di Storia della Comunicazione politica e istituzionale (LM 62), la lezione di giovedì 28 marzo 2019 in San Carlo, causa impegni sopraggiunti, non si tiene.
Prossime date di Esame
    Copyright Università degli studi della Tuscia - Viterbo