X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
 

Presentazione

 
Preparazione di base
 
Obiettivo del corso è dotare i laureati di una formazione avanzata nel settore dell'archeologia, supportata da solide competenze sia nelle discipline storiche, filologiche e storico-artistiche del mondo antico, sia nelle metodologie e nelle tecniche dell'archeologia. In vista di questo obiettivo, il percorso offre una formazione in ambito archeologico che non solo investe l'area classica, ma spazia anche dalle aree preistorica e protostorica a quella vicino-orientale e all'area medievale, con attenzione all'etruscologia, alla topografia, alla numismatica.
 
La formazione prevede ad un tempo la piena maturazione di conoscenze specifiche sia nelle procedure dello scavo e della ricognizione, sia nell'interpretazione delle fonti scritte e nella lettura e nell'esegesi dei fenomeni storico-artistici. Il corso raggiunge i suoi obiettivi specifici tramite lezioni frontali, attività seminariali e di laboratorio e non trascura l'arricchimento delle conoscenze tramite tirocini formativi e di orientamento.
 
I laureati avranno una solida conoscenza delle discipline umanistiche storiche, filologico-letterarie e storico-artistiche, quale fondamento ineludibile di una formazione archeologica approfondita nei settori scientifico-disciplinari caratterizzanti. Tale formazione verrà integrata dalle più aggiornate metodologie e tecniche di indagine. Il risultato sarà raggiunto tramite un'articolata attività didattica di tipo tradizionale (lezioni, seminari ed esercitazioni di approfondimento), affiancata da attività pratiche come tirocini sul campo (scavi archeologici, ricognizioni topografiche), attività di laboratorio e stages in ambito nazionale ed internazionale.
 
Sbocchi professionali
 
Le competenze acquisite potranno essere proficuamente utilizzate nel campo della gestione, della conservazione, della valorizzazione e del restauro dei beni archeologici e nei relativi processi di musealizzazione, e consentiranno al laureato magistrale di operare in ruoli di responsabilità negli organi previsti dall'amministrazione pubblica, per conto di istituzioni private o nel quadro di enti preposti alla ricerca. Il corso si propone di formare archeologi che opereranno, con funzioni di elevata responsabilità, in ambiti quali:
  • istituzioni scientifiche, come Università ed enti di ricerca;
  • soprintendenze, musei, e istituzioni di ambito statale, regionale e locale;
  • direzione di organismi e di unità di studio, di ricerca e di tutela del patrimonio storico-archeologico e documentario presso enti ed istituzioni, pubbliche e private;
  • società, cooperative e altri gruppi privati in grado di collaborare a tutte le attività, dallo scavo alla fruizione pubblica, con gli enti preposti alla tutela del patrimonio archeologico;
  • attività dell'editoria, della pubblicistica e di altri media specializzati in campo archeologico.
In particolare, il corso prepara alla professione di:
  • Archeologi
  • Storici
  • Curatori e conservatori di musei
  • Ricercatori, tecnici laureati ed assimilati
 
Presidente del corso: Prof.ssa Maddalena Vallozza ( m.vallozza@unitus.it Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. )
Segreteria Studenti Unica, Via Santa Maria in Gradi, 4 - Tel 0761-357798
Dipartimento di Scienze dei Beni Culturali
Struttura didattica: DISBEC (Largo dell'Università s.n.c. (località Riello) Viterbo)
Copyright Università degli studi della Tuscia - Viterbo