X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
 

Presentazione del corso di laurea magistrale in Amministrazione Finanza e Controllo

Il corso di laurea magistrale in Amministrazione Finanza e Controllo fornisce agli studenti approfondite conoscenze in ambito economico-aziendale, economico, matematico-statistico e giuridico.
La combinazione degli insegnamenti con le attività professionalizzanti permette di affrontare le problematiche aziendali in un'ottica integrata, attraverso una conoscenza completa degli strumenti necessari per svolgere le attività di consulenza e di controllo dei processi aziendali. 
Il corso armonizza e integra tra di loro le differenti discipline tipiche dell'ambito economico, con lo scopo di affrontare in maniera interdisciplinare le problematiche connesse alla ragioneria, anche in ambito internazionale, alla governance, alla valutazione d'azienda, al controllo direzionale, all'analisi dei mercati finanziari ed agli strumenti per la costruzione e gestione dei portafogli.
Lo scopo del corso, coerentemente con la logica progettuale, è quello di fornire agli studenti le necessarie competenze per poter operare in maniera consapevole nei diversi ambiti, spesso tra di loro assai diversificati, nei quali si può sviluppare la consulenza ed il controllo aziendale. Il percorso formativo prevede lo svolgimento di attività professionalizzanti (come tirocini, stage ed altre attività) in imprese, enti o in società di consulenza direzionale, l'approfondimento della conoscenza della lingua inglese, e si conclude con la redazione di un elaborato scritto che dovrà contenere elementi di originalità, sotto la supervisione di un docente di uno dei corsi di laurea del Dipartimento.
Nel complesso, il Cdl copre pienamente due ambiti significativi: quello delle professioni economico-contabili da un lato, quello dei segmenti dell'investment banking, della finanza di impresa e dell'asset management dall'altro. Gli sbocchi occupazionali per il laureato in Amministrazione, Finanza e Controllo sono rappresentati essenzialmente, ma non esclusivamente, da carriere manageriali e direttive e figure professionali nei seguenti ambiti: 
- funzioni contabili, amministrative, di controllo e di direzione di imprese/aziende di diverso tipo e dimensione; 
- analisi e gestione finanziaria nelle diverse imprese del settore finanziario e creditizio (banche commerciali e di investimento, SGR, assicurazioni, e altri intermediari finanziari);
- misurazione e gestione dei rischi, e loro monitoraggio nelle istituzioni finanziarie e nelle imprese industriali e commerciali; 
- trading di strumenti finanziari evoluti, ingegneria finanziaria, e desk clientela corporate ed istituzionale di banche di investimento; 
- società di revisione;
- società di consulenza aziendale e di advisory; 
- libera professione di Dottore Commercialista; 
- attività di consulente finanziario; 
- istituzioni addette all'operatività e al controllo dei mercati ed enti di regolamentazione.
La laurea magistrale in Amministrazione Finanza e Controllo consente altresì l'accesso all'esame di Stato per l'iscrizione alla sezione A dell'Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, secondo le procedure di accesso regolamentate dal predetto albo.

Copyright Università degli studi della Tuscia - Viterbo