X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
 
» Offerta Formativa A.A. 2013/2014
» Presentazione
» Prospettive occupazionali
» Calendario Accademico
» Inizio Lezioni 2013 2014
» Orario delle Lezioni 2013-2014
» Calendario Esami di profitto 2013-2014
» Calendario sedute di Laurea e Commissioni 2013-2014
» Commissioni Esami di profitto 2013-2014 - BCM
» SERVIZI AGLI STUDENTI
» PROVE DI INGRESSO
» MODULO DOMANDA DI PREISCRIZIONE
» Norme per lo svolgimento di prova finale e tesi
» Stage o tirocini
» Attività a scelta
» CORSI DI SUPPORTO PER LE MATRICOLE
» Attività a scelta
» Biologia Cellulare e Molecolare
» Tasse e contributi universitari
» Scadenze per gli Studenti
» Consiglio di corso di studi
» Statistiche e questionari
» Piano di studio individuale e prenotazione esami
» Regolamento didattico
» Docenti di riferimento
» Tutor disponibili per gli studenti
» Offerta Formativa A.A. 2012/2013
» Offerta Formativa A.A. 2011/2012
» PER MAGGIORI INFORMAZIONI
clicca per vedere tutti gli insegnamenti del corso Insegnamenti attivi del corso
clicca per vedere tutti gli insegnamenti del corso Docenti del corso
clicca per vedere tutti gli esami del corso Esami

Didattica A.A. 2011-12

  • Calendario accademico
  • Commissioni Esami
  • INSEGNAMENTI E PRENOTAZIONI ESAMI AA 2011-2012

Informazioni agli studenti

  • SEGRETERIA UNICA
  • GUIDA AI SERVIZI
  • Offerte didattiche anni 2008-10
  • Come arrivare
  • Tutorato
  • Insegnamenti liberi
  • Stage o tirocini
  • Rappresentanti degli studenti
  • ERASMUS
  • CUS

Norme per lo svolgimento di prova finale e tesi


A. I docenti del Dipartimento assegnano, su richiesta degli interessati e sulla base delle capacità ricettive dei laboratori di propria competenza, tesi sperimentali di laurea agli studenti dei corsi di laurea specialistica. I Consigli di Corso di Studio provvederanno, ove necessario, a reperire strutture di ricerca disponibili per lo svolgimento di tesi sperimentali per garantire tale opportunità a tutti gli studenti delle lauree specialistiche.

B. Laddove lo studente scelga di preparare la tesi sperimentale di laurea in un laboratorio il cui responsabile non sia un docente del DEB, egli dovrà, contestualmente, ottenere l’approvazione di un docente del Dipartimento (titolare di materia affine alla tematica prescelta) che si assumerà l’onere di seguire lo studente nelle varie fasi del lavoro di tesi e di fungere da relatore ufficiale del Dipartimento nella relativa seduta dell'esame finale degli esami di Laurea. In questo caso, il responsabile esterno (docente e/o ricercatore) al Dipartimento assumerà il ruolo di correlatore e parteciperà alla seduta degli esami di Laurea durante la discussione della tesi. In qualità di correlatore, egli fornirà il suo giudizio sul lavoro svolto dal candidato ma non potrà partecipare alla formulazione del giudizio finale (voto di Laurea).

C. La domanda per lo svolgimento della tesi sperimentale di laurea va redatta, su apposito modulo (disponibile presso la Segreteria Didattica) e dovrà riportare la firma (per accettazione) del docente-responsabile del Dipartimento (relatore) sotto la cui direzione il candidato intende svolgere il lavoro di tesi. Nel caso in cui il lavoro di tesi venga condotto sotto la guida di un responsabile esterno (correlatore) la domanda dovrà essere firmata anche da quest’ultimo.

La domanda dovrà essere indirizzata al Presidente del CCS che provvederà alla relativa approvazione.

D.La preparazione della tesi, di norma a carattere sperimentale o che comunque apporti un contributo originale, comporta la frequenza di almeno 1 anno presso un laboratorio sotto la guida del relatore o del responsabile esterno. Se l’attività sperimentale del laureando viene eseguita da un esperto della materia qualificato, non abilitato a fungere da relatore, a giudizio di quest’ultimo, l’esperto può essere designato correlatore e partecipare alla relativa seduta di esame di laurea con gli stessi compiti del responsabile esterno.

E. Durante lo svolgimento della tesi e sotto la guida del relatore (o correlatore), sarà cura dello studente acquisire le basi culturali per una consapevole conduzione del suo lavoro; ciò avverrà attraverso la consultazione bibliografica, la conoscenza della specifica letteratura scientifica e attraverso la partecipazione a seminari, conferenze, stage, etc., organizzati nell’ambito del gruppo di ricerca, dei dipartimenti o nelle strutture esterne.

F. Almeno sei mesi prima della data presunta per l’esame di Laurea, lo studente dovrà inoltrare domanda al Presidente del CCS per l’assegnazione di un Controrelatore scelto tra i docenti del Dipartimento. Sarà cura dei laureandi incontrare in tempi brevi, e non più tardi di 3 mesi prima della data presunta per l’esame di laurea, il controrelatore per informare della tematica affrontata durante il lavoro sperimentale e degli eventuali risultati raggiunti. In quella sede il controrelatore, se lo riterrà necessario, concorderà con il candidato il calendario dei futuri colloqui.

G.Per essere ammesso all’esame di Laurea, lo studente presenta domanda alla Segreteria Studenti entro i 40 giorni precedenti la seduta di laurea prescelta.

Una volta completata la stesura, lo studente dovrà consegnare, almeno 7 giorni prima della seduta di laurea, una  copia della tesi alla Segreteria Didattica del Dipartimento, firmata dal Relatore e dal Correlatore, se previsto (copia resa poi disponibile alla Commissione di Laurea);  lo studente dovrà redigere un riassunto (due pagine al massimo con l’indicazione di 5 parole chiave) della stessa tesi, da consegnare in duplice copia, tramite la Segreteria Didattica, ai membri della Commissione di Laurea.

Il dattiloscritto della tesi sperimentale, rilegato in verde, dovrà essere presentato in forma di “lavoro scientifico”, redatto secondo le modalità previste dalle maggiori riviste scientifiche a carattere internazionale.

L’assegnazione del voto di laurea, in centodecimi, si basa sull’intera carriera dello studente, tenendo separatamente conto di:

 

RELATORE         5 PUNTI

CONTRORELATORE              3 PUNTI

COMMISSIONE           3 PUNTI

 

ulteriore punteggio per:

- SOGGIORNO  ERASMUS    1 PUNTO

 

Si può ottenere la lode solo con un punteggio minimo di 101.

Copyright Università degli studi della Tuscia - Viterbo