X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
 

Prerequisiti di ammissione ed esami

Requisiti di accesso

 
Gli studenti che intendono iscriversi al Corso di Laurea Magistrale in Sicurezza e Qualità Agroalimentare devono essere in possesso della laurea, o di altro titolo conseguito all’estero riconosciuto idoneo in base alla normativa vigente, e devono aver acquisito, nel corso di laurea di provenienza, almeno 60 CFU nelle attività formative di base e/o caratterizzanti indicate nella tabella ministeriale della classe L-26 (Scienze e Tecnologie Alimentari), ovvero nei seguenti settori scientifici disciplinari:
  • AGR/01-04, AGR/07, AGR/09, AGR/11-13, AGR/15-19, BIO/01-05, BIO/09-11, BIO/13, BIO/18-19, CHIM/01-03, CHIM/06-07, CHIM/10-11, FIS/01-08, INF/01, ING-IND/08-12, ING-IND/22, ING-INF/05, MAT/01-09, MED/07, MED/42, MED/49, SECS -P/01, -P/08 e -P/10, SECS-S/01, IUS/03, IUS/14, VET/01, VET/04.
 
Il Corso di Laurea Magistrale è ad accesso libero.
 
L’adeguatezza della personale preparazione è verificata mediante una prova scritta di ammissione che avrà la finalità di valutare la preparazione individuale nelle aree di conoscenza ritenute propedeutiche per l'accesso al corso: biochimica, genetica e microbiologia.
 
Il superamento del test è indispensabile per l'iscrizione al corso di laurea magistrale in SIQUAL.
 
Il Consiglio di Corso di Studio, previa procedura di valutazione culturale e amministrativa della carriera pregressa con particolare attenzione alla verifica della non avvenuta obsolescenza dei contenuti degli esami superati, stabilisce l’iscrizione al corso di laurea magistrale di coloro che sono in possesso di un diploma di laurea conseguito secondo i vecchi ordinamenti.
La quota di CFU riconosciuti allo studente che si trasferisce da altro corso di laurea magistrale è valutata a cura del Consiglio del Corso di laurea ed è, comunque, non inferiore al 50% di quelli già maturati dallo studente relativamente ai medesimi settori scientifico-disciplinari previsti dall’ordinamento didattico del corso di laurea magistrale in SIQUAL.
 
Calendario dei test di verifica
La verifica dell’adeguata preparazione personale si svolgerà, presso la Rotonda della ex-Facoltà di Agraria (piano terra del Nuovo Edificio di Agraria), secondo il seguente calendario:
  • 16 settembre (ore 15:30)
  • 1 ottobre (ore 15:30)
  • 28 ottobre (ore 15:30)
  • 18 novembre (ore 15:30)
  • 16 dicembre (ore 15:30)
  • 20 gennaio (ore 15:30)
  • 17 febbraio (ore 15:30)
     

La domanda di preiscrizione deve essere presentata alla Segreteria Didattica DIBAF: s.didat.dibaf@unitus.it [recapiti telefonici: 0761 357583 (Anna Carlino) o 0761 357412 (Alessandra Mancini)].

Possono sostenere la prova di ingresso, sotto condizione e fermo restando il necessario possesso dei requisiti curriculari, anche gli studenti non ancora in possesso della laurea triennale, che presentino domanda cautelativa per laurearsi entro la sessione di febbraio 2016. 

Scarica qui il modulo per la domanda di preiscrizione.

L’iscrizione al 1° anno del corso di laurea magistrale dovrà essere perfezionata entro il 30 dicembre 2015 attraverso il portale dello studente (http://portalestudenti.unitus.it).

 

Percorso formativo

Il corso di laurea magistrale interclasse in SIQUAL prevede 12 esami. Grazie alla libertà di organizzazione del piano di studi, ai crediti relativi alle Attività affini e integrative (30 CFU) e ai crediti a scelta libera (12 CFU), il laureato magistrale in Sicurezza e Qualità Agroalimentare può completare il suo piano formativo in base ai propri interessi culturali e professionali. Completano la formazione del laureato 2 CFU destinati  alle attività di Tirocinio formativo, 2 CFU destinati destinati all'approfondimento della conoscenza della lingua inglese e all'utilizzo dell'inglese tecnico e 20 CFU destinati alla preparazione della Tesi di laurea su tematiche inerenti la qualità e la sicurezza agroalimentare.

 

Per conseguire la laurea è necessario acquisire 120 Crediti Formativi Universitari (CFU). Gli studenti che chiedono il passaggio da un altro Corso di Studio, di questa o di altra Università, potranno richiedere il riconoscimento dei CFU già acquisiti.

Il percorso formativo prevede l’utilizzo di diverse forme di insegnamento, che comprendono:
  • Lezioni frontali
  • Esercitazioni
  • Esperienze di lavoro (tirocinio) presso strutture pubbliche o private di servizio o di produzione.
 
Tirocino
Lo stage-tirocinio presso strutture pubbliche o private di servizio o di produzione è obbligatorio e prevede una permanenza di 50 ore (2 CFU) presso la struttura ospitante (sotto la supervisione di un tutore professionalizzante) e la stesura di una relazione scritta che illustri le attività svolte. Il tirocinio deve essere svolto durante il corso di studi e deve avere una durata non superiore a 12 mesi. Lo studente ha facoltà di svolgere il tirocinio presso l’Università ospitante nel caso di mobilità internazionale. La verifica delle competenze relative al tirocinio è effettuata da un docente (tutore) del Corso di Studi in SIQUAL a cui è affidata la valutazione della relazione scritta prodotta dallo studente.
 
Caratteristiche della prova finale
La prova finale consiste nella presentazione e discussione di un elaborato scritto relativo ad un’attività sperimentale mono o multidisciplinare (con un impegno complessivo di 20 CFU) svolta presso un laboratorio di ricerca del Dipartimento o di altre strutture scientifiche pubbliche o private, con le quali siano state stipulate apposite convenzioni. E’ consentita la redazione della tesi anche in lingua inglese. La prova finale dovrà anche consentire di approfondire le conoscenze sull’argomento oggetto di sperimentazione, sia per gli aspetti scientifici, sia per gli aspetti di carattere professionale. Nel lavoro di tesi, il laureando è supportato dall’assistenza di un Relatore, che sia garante della scientificità del metodo seguito e della correttezza dell’interpretazione proposta, eventualmente di uno o più co-relatori, e di un Controrelatore, che è tenuto a fornire un supporto critico di revisione della bozza finale. Il Relatore ed il Controrelatore della tesi sono docenti del Corso di Studi in SIQUAL oppure membri del Dipartimento afferenti ad un settore scientifico disciplinare di interesse del Corso di Laurea Magistrale. Gli eventuali co-relatori sono docenti oppure esperti della materia provenienti da enti di ricerca pubblici o privati o dal mondo produttivo.
 
La tesi è discussa davanti a una Commissione nominata dal Direttore su proposta del Coordinatore del Corso di Laurea. Per il conseguimento della laurea magistrale lo studente dovrà superare con esito positivo la prova finale. Il voto finale di laurea è espresso in centodecimi, con possibilità di far seguire la lode al punteggio massimo (110/110).
 
La Commissione assegnerà la votazione sulla base dei seguenti criteri:
  • media dei voti in trentesimi, ponderata con i crediti;
  • eccellenza della carriera accademica dello studente (lodi) e partecipazione a programmi di mobilità studentesca internazionale;
  • completamento degli studi entro il periodo previsto;
  • qualità della tesi.
La qualità della tesi sarà valutata secondo i seguenti criteri:
  • originalità e rilevanza scientifica della tesi;
  • complessità delle metodologie impiegate
  • rispondenza delle osservazioni sperimentali con gli obiettivi della tesi;
  • qualità dell’esposizione. 
L’assegnazione del voto finale è basata sui punteggi riportati sulla Guida dello Studente per ciascuno dei suddetti quattro criteri. Il punteggio minimo per il superamento dell’esame finale e il conseguimento della laurea è 66/110. 
Copyright Università degli studi della Tuscia - Viterbo