X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
 

Obiettivi formativi

  Gli obiettivi formativi specifici del corso sono essenzialmente:

  • conoscenze e competenze relative alle metodologie di ricerca in agricoltura, ai sistemi colturali e zootecnici, alla difesa delle colture, alla politica agricola e gestione delle imprese, all'innovazione tecnologica nella meccanizzazione agricola, alle strutture e infrastrutture del territorio rurale;
  • conoscenze e competenze specifiche e approfondite relative alle produzioni vegetali per progettare e gestire l'innovazione della produzione agraria, qualitativa e quantitativa, con particolare riguardo ad un approccio sistemico alla qualità del suolo, al miglioramento genetico, alla protezione delle colture, all'impiego dei mezzi tecnici e all'impatto ambientale;
  • conoscenze e competenze approfondite relative alle tecniche di allevamento con particolare attenzione alla sostenibilità dei sistemi, all'igiene e al benessere degli animali e alla qualità delle produzioni zootecniche;
  • comprensione dei processi e delle norme relativi all'applicazione delle tecniche economiche ed estimative nell'affrontare i problemi connessi alla gestione delle imprese agrarie e allo sviluppo rurale;
  • conoscenze e competenze approfondite di tipo agro-ingegneristico, nei settori dell'uso e del governo delle risorse idriche, della meccanica e meccanizzazione agricola, delle costruzioni rurali e della pianificazione territoriale anche nella prospettiva della sostenibilità ambientale.
Il percorso formativo si articola in una base comune in cui sono affrontate i temi della metodologia di ricerca in agricoltura, della gestione dei sistemi agrari e zootecnici, delle strategie ecosostenibili nella protezione delle colture, delle politiche agricole, della gestione delle aziende e dell'analisi degli investimenti, di meccanizzazione agricola nei suoi aspetti innovativi e di pianificazione territoriale sostenibile.

Discipline professionalizzanti riguardano le tematiche delle produzione vegetali e animali e della gestione del territorio rurale.

Per le produzioni animali (curriculum zootecnico) vengono offerti insegnamenti relativi alla produzione e conservazione dei foraggi, alla scienza e tecnica dell'alimentazione, alla tecnologia e igiene zootecnica e alla fisiopatologia degli animali allevati.

Per le produzioni vegetali (curriculum colturale) sono offerti insegnamenti rivolti essenzialmente all'ottenimento della qualità dei prodotti.

Per la gestione tecnico-economica delle imprese e per la gestione del territorio rurale (curriculum economico-territoriale) sono disponibili insegnamenti rivolti alla pianificazione delle risorse idriche e all'assetto del territorio, al diritto territoriale, all'economia e politica dello sviluppo rurale e all'estimo territoriale ed ambientale.

La didattica sarà basata su attività di ricerca avanzate condotte dal personale docente e le infrastrutture dedicate sono i laboratori di alcuni dipartimenti e della facoltà, campi sperimentali e dimostrativi.

Le modalità e gli strumenti didattici con cui gli obiettivi formativi sono conseguiti sono lezioni frontali ed esercitazioni in aula, attività di laboratorio e pratiche, visite tecniche presso specifiche realtà produttive o professionali, seminari, verifiche di apprendimento, discussione di casi concreti o di singoli lavori progettuali o di sperimentazione demandati a singoli o gruppi di studenti. Le verifiche di apprendimento possono risultare in prove scritte e/o orali con la presentazione e discussione eventuale di un elaborato. A cura del docente sono valutati il raggiungimento degli obiettivi formativi specifici del corso e certificato con il voto il grado di preparazione individuale raggiunto.

Il corso è progettato perché i suoi laureati conseguano conoscenze e capacità di comprensione degli obiettivi formativi precedentemente elencati.

In particolare gli studenti, oltre ad arricchire le proprie conoscenze nei settori della metodologia di ricerca in agricoltura, della gestione dei sistemi agrari e zootecnici, delle politiche agricole ed evoluzione del mercato, della gestione delle imprese e dell'analisi degli investimenti, ricevono negli insegnamenti professionalizzanti una

preparazione specialistica e basata sulle attività di ricerca, che consente loro:
  • conoscenze e capacità di comprensione specifiche e approfondite relative alle produzioni vegetali per progettare e gestire l'innovazione della produzione agraria, qualitativa e quantitativa, con particolare riguardo ad un approccio sistemico alla qualità del suolo, al miglioramento genetico, alla protezione delle colture, all'impiego dei mezzi tecnici e all'impatto ambientale;
  • conoscenze e capacità di comprensione approfondite relative alle tecniche di allevamento con particolare attenzione alla sostenibilità dei sistemi, all'igiene e al benessere degli animali e alla qualità delle produzioni zootecniche;
  • comprensione dei processi e delle norme relativi all'applicazione delle tecniche economiche ed estimative nell'affrontare i problemi connessi alla gestione delle imprese agrarie e allo sviluppo rurale;
  • conoscenze e capacità di comprensione approfondite di tipo agro-ingegneristico, nei settori dell'uso e del governo delle risorse idriche, della meccanica e meccanizzazione agricola, delle costruzioni rurali e della pianificazione territoriale anche nella prospettiva della sostenibilità ambientale.
I laureati estendono e rafforzano le conoscenze e capacità di comprensione associate al primo ciclo, spesso in un contesto di ricerca avanzata, e nel lavoro di tesi dimostrano la capacità di elaborare e applicare idee originali come richiesto.

Le conoscenze e capacità di comprensione sono sviluppate con lezioni frontali, esercitazioni di laboratorio e di campo, esercitazioni fuori sede interdisciplinari, tirocinio esterno, studio personale su testi avanzati e pubblicazioni scientifiche. La verifica delle conoscenze e capacità di comprensione è ottenuta con valutazioni intermedie, ove previsto, e con le prove di esame a contenuto prevalentemente orale.

I laureati al termine del corso di studi possiedono capacità di analisi approfondita e sono messi in grado di affrontare problemi e tematiche complesse in contesti interdisciplinari utilizzando anche metodologie innovative. I laureati sono in grado di identificare problemi e proporre adeguate soluzioni in particolari settori delle scienze agrarie, identificando i vincoli esistenti soprattutto tecnici, economici, ambientali. Sono in grado di scegliere e utilizzare attrezzature, strumenti e metodologie di indagine appropriate conoscendone caratteristiche e possibilità applicative. Il laureato possiede una visione sistemica della realtà agricola e del territorio rurale ed è in grado di proporre interventi con alto grado di competenza e autonomia sia nella gestione di qualità delle produzioni sia nella progettazione di sistemi e opere complesse sia nella messa a punto, gestione e valutazione di piani di sviluppo.

Con un maggior grado di dettaglio i laureati sono in grado di:
  • progettare e gestire l'innovazione quali-quantitativa della produzione agraria con particolare riguardo alla sostenibilità ambientale ed ad un approccio sistemico alla qualità del suolo, al miglioramento genetico, alla protezione delle colture, all'impiego dei mezzi tecnici;
  • gestire tecniche di allevamento con particolare riferimento alla sostenibilità dei sistemi, all'igiene e al benessere degli animali e alla qualità delle produzioni zootecniche;
  • progettare, gestire e valutare i piani di sviluppo rurale;
  • applicare metodologie complesse per l'analisi, la gestione, lo sviluppo del territorio agricolo, considerando anche il contesto socio-economico di riferimento ed i vincoli esistenti;
  • svolgere indagini utili per la soluzioni di problemi complessi propri dei sistemi agrari e per la ricerca e la sperimentazione;
  • operare con competenza e professionalità sia in laboratorio che nella pratica operativa in particolare nei settori della produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti, della gestione di qualità delle produzioni, della progettazione di sistemi e opere complesse per la valorizzazione e salvaguardia del territorio e dell'ambiente rurale;
  • svolgere attività di assistenza tecnica e consulenza specialistica nel campo agrario e ambientale.
Queste capacità di applicare conoscenza e comprensione sono sviluppate essenzialmente con esercitazioni di laboratorio e di campo, esercitazioni di gruppo fuori sede interdisciplinari, attività di laboratorio assistito, promozione della discussione critica discussione critica su particolari problemi. Tali competenze sono valutate nelle verifiche di esame e soprattutto nella relazione di tirocinio e nella tesi, in cui si manifesta su specifici problemi la capacità di elaborazione originale dello studente e la capacità di applicare conoscenza e comprensione.
Copyright Università degli studi della Tuscia - Viterbo