X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
 

Tasse e contributi universitari

nota: la presente pagina è un estratto della normativa d'Ateneo per quanto concerne tasse e contributi. Per ogni ulteriore informazione e casistica qui non trattata si rimanda allo stesso scaricabile al seguente link Tasse e contributi 

 

L'ammontare delle tasse e dei contributi è determinato in base a:

  • Valutazione delle condizioni economiche del nucleo familiare dello studente
  • Merito dello studente

 

In base ai criteri determinati sul regolamento Tasse e contributi la segreteria determina la fascia di pertinenza (9 in tutto) per l'importo finale dovuto da ciascuno studente.

Le fasce finali di contribuzione vanno dalla 9 per la quale è previsto il rimborso allo studente della prima rata (esclusa la tassa regionale e il bollo) alla fascia 1 per la quale è previsto il massimo importo della seconda rata di  € 1.100,00.

Situazioni particolari

Trasferimento

In caso di trasferimento lo studente non è tenuto a pagare nuovamente la tassa di iscrizione comprensiva della prima rata dei contributi, qualora l'abbia già versata all'Ateneo di provenienza al momento della presentazione della relativa domanda entro i previsti termini di scadenza.

In caso di trasferimento ad altra Università lo studente è tenuto comunque alla corresponsione dell'importo delle tasse dovute fino all'ultimo Anno Accademico di iscrizione o ricognizione utile.

Studenti part time

Per gli studenti part time (iscritti a tempo parziale ai sensi del DM 22/10/2004 n. 270) è prevista la corresponsione dell'80% delle tasse e cotnributi universitari oltre alla tassa regionale e l'imposta di bollo.

 Esonero totale dal pagamento dele tasse e dei contributi

Ai sensi dell'art. 8 del D.P.C.M. 9 aprlie 2001 questo Ateneo esonera totalmente dalla tassa di sicrizione e dai contributi universitari, per tutti i corsi di cui all'articolo 3, comma 1, 2 e 3, del citato D.P.C.M.:

a) Gli studenti beneficiari delle borse di studio e dei prestiti d'onore concessi dalle regioni e dalle province autonome;

b) Gli studenti risultati idonei al conseguimento delle borse di studio concesse dalle regioni e dalle province autonome che per scaristà di risorse non siano risultati beneficiari di tale provvidenza;

c) Gli studenti in situazione di handicap con un'invalidità riconosciuta pari o superiore al sessantasei per cento (66%)

d) gli studenti stranieri beneficiari di borsa di studio del Governo Italiano nell'ambito dei programmi di cooperazione allo sviluppo e degli accordi intergovernativi culturali e scientifici e relativi periodici programmi esecutivi. Negli anni accademici successivi al primo, l'esonero è condizionato al rinnovo della borsa di studio da parte del Ministero degli affari esteri.

Esonero parziale

a) Situazioni di disabilità. Gli studenti in situazione di handicap con invalidità compresa tra il 40% incluso e il 66% escluso è previsto l'esonero del pagamento del 50% dei contributi universitari dovuti. L'esonero ed il rimborso si riferiscono solo ai contributi universitari, fatto salvo il pagamento dell'importo minimo di tasse.

b) Studenti meritevoli. Gli studenti che concludano gli studi entro i termini previsti dai rispettivi ordinamenti hanno diritto al rimborso, a richiesta, del 30% dei contributi versati nell'ultimo anno di iscrizione. La predetta disposizione non si applica agli studenti iscritti a corsi in convenzione che prevedono la determinazione forfettaria dell'importo delle tasse e contributi.

 

Copyright Università degli studi della Tuscia - Viterbo